Welcome back, Wolf

Posted On 15 gennaio 2010

Filed under Senza categoria

Comments Dropped one response

 
Ritornare a scrivere su questo blog mi riporta alla memoria tutti i momenti belli e quelli tristi che vi ho descritto.
Nonostante ormai quasi tutti abbiano abbandonato questi spazi per dedicarsi a Facebook, io continuo a scrivere qui, perché è qui che ho messo gran pare dei miei ricordi e, in definitiva, gli altri social network non mi sembrano dare sufficiente spazio per queste mie riflessioni.
Forse nessuno commenterà, ma non me n importa granché, io scrivo soprattutto per me stesso, in certi casi.
Certi casi come questo.
Sono tre mesi o poco meno che non scrivo più qui.
L’ultima occasione è stata la morte di una persona che è passata di striscio nella mia vita, ma che ho voluto ricordare perché con me condivideva l’amore spassionato per la montagna e per i grandi spazi aperti.
Dopo di ciò mi è successo ogni tipo di cosa e, in definitiva, non credo di essere più lo stesso che scriveva tre mesi fa.
Tolto il periodo nero di stress causato dalla scrittura della tesi di dottorato, dall’urgenza di partecipare al concorso per l’assegno di ricerca e da crisi varie con amici e fidanzata, ciò che più mi ha segnato in questi mesi è stata la morte di mio padre.
Lo so, era malato da tempo, ma la speranza che si riprendesse è stata l’ultima a morire.
E qando anche quella è morta, il mio mondo non è stato più quello di un prima.
Alcune volte sono stato definito un ragazzo forte, capace di reggere sulle sue spalle un gran numero di imegni e problemi senza cedere di un passo.
Ma anche l’uomo più forte di questo mondo deve appoggiarsi su qualcosa per poter sorreggere il peso sulle proprie spalle.
Quando uno di questi sostegni viene a mancare e un’altro viene a caricarsi come ulteriore fardello… La cosa non è né semplice né indolore, per quell’uomo.
Quando mio padre è morto è morta anche una parte di me, una parte che nessuno potrà mai resuscitare.
Ora sto cercando di non affondare e di trovare un nuovo equilibrio, per potermi nuovamente rialzare, guardare verso l’alto, spalancare nuovamente le ali e riprendere a volare.
Bentornato, lupo.
Ora è il momento di dimostrare di che pasta sono fatto.
A voi tutti, che mi siete stati vicini in questo periodo nero, grazie mille, di cuore.
Love & Peace,
                                                                  Bario
Annunci

One Response to “Welcome back, Wolf”

  1. Daniela

    hai perfettamente ragione…tutti quanti noi abbiamo bisogno di un sostegno e su di me sai ke puoi sempre contare…xke un\’amico è la cosa più preziosa ke si può avere al mondo e nn la si può e nn la si deve mai lasciar precipitare…cmq spero ke con il tempo e con l\’aiuto di tutte le persone ke t vogliono veramente bene,tu riesca a uscire da questo buco nero,xke ogni buco nero,anke il più profondo,ha sempre una via di uscita e uno spiraglio di luce ke aspetta sl di essere trovato…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...